La Storia

Fu Anacleto Bonelli a fondare verso la metà del secolo scorso le omonime cantine che oggi sono gestite dai nipoti.

Consapevole di trovarsi in una zona a forte vocazione viticola il fondatore iniziò a operare nel settore intuendone le potenzialità e diede vita a un’azienda che in settant’anni di attività ha saputo affermarsi e progredire.

A lui si deve la creazione del Trebbianino Val Trebbia, vino bianco derivato dall’uvaggio di uve autoctone, emblema delle nostre cantine e riconosciuto tra i più importanti D.O.C. Colli Piacentini.

Nei primi anni ’70 abbiamo adottato il metodo Charmat nella lavorazione dei vini frizzanti, per enfatizzare le note fruttate e la freschezza delle uve bianche piacentine. L’attività che Anacleto creò più di cinquant’anni fa è diventata oggi un’azienda tecnologicamente avanzata, che riesce a conciliare una vinificazione che valorizza gli uvaggi della zona ed il rispetto per il territorio nel quale opera, attraverso numerose iniziative di sostenibilità ambientale e produttive.

bonelli-logo-doppio-con-foglia_55px